davies sua gara2 Davies sua gara2 34A2408 1024x683 1 620x330
Davies sua gara2

Davies sua gara2

Davies sua gara2

Davies sua gara2 – 20.09.2020 – Inizia la sesta prova per la Superbike 2020 con il GP di Catalunya sul Circuit de Barcelona – Catalunya a Montmelò, che ci offre 4.600 metri di asfalto, 6 curve a sinistra e 8 a destra, oltre al lungo rettilineo di partenza-arrivo di 1.047 metri. I piloti al via sono 20, meteo buono e caldo, ci sono 28° la temperatura dell’aria e 44° la temperatura sull’asfalto. Ieri si è iniziato con gara1 vinta da Jonathan Rea su Kawasaki e questa mattina si è continuato lo spettacolo con la Tissot Superpole Race vinta da Michael Van Der Mark su Yamaha, adesso per concludere è di scena Gara2.

davies sua gara2 Davies sua gara2 34A2408 1024x683 1 300x200

Davies sua gara2

Un ottimo Rinaldi infiamma Teruel !

La griglia di partenza è data dai risultati della Tissot SR e quindi in testa Michael Van Der Mark su Yamaha, al secondo posto il pilota Jonathan Rea su Kawasaki e al terzo posto Loris Baz su Yamaha indipendente. Seguono Chaz Davies su Ducati, Garret Gerloff su Yamaha indipendente e Michael Ruben Rinaldi su Ducati indipendente. Non prendono parte alla gara Toprak Razgatlioglu con la sua Yamaha per l’incidente ottenuto nel warm up e nemmeno Alvaro Bautista e la sua Honda per l’incidente durante la Tissot Superpole Race.

Gara 2. Bel sole su Barcellona, il semaforo verde è velocissimo, ma la partenza è stranissima, il primo ad andare in testa è Michael Van Der Mark su Yamaha seguito da Michael Ruben Rinaldi su Ducati indipendente, poi Garrett Gerloff su Yamaha indipendente, Chaz Davies su Ducati, Scott Redding su Ducati, Jonathan Rea su Kawasaki, Tom Sykes su BMW. Solo 10 Alex Lowes su Kawasaki e 18° Loris Baz su Yamaha indipendente. Subito alla fine del primo giro Davies si porta in terza posizione davanti a Gerloff, mentre Rinaldi se ne va in testa trascinando dietro Dadvies che passa su Van Der Mark ora terzo. Sembra non precisissimo Rea che è stabile sesto tra Redding e Sykes. Giro 3 Davies con la Ducati ufficiale passa di motore su Rinaldi, dietro appiccicato Van Der Mark, poi il gruppo con Rea e Redding. I nostri piloti italiani sono Samuele Cavalieri su Ducati indipendente 11°, Federico Caricasulo su Yamaha indipendente 12°, Lorenzo Zanetti su Ducati indipendente 15°; non termina il giro e cade alla 4 Cavalieri, mentre Rea passa sulla Ducati del suo diretto avversario Redding, ora davanti ha Gerloff. Giro 4 si sono riuniti in sei a fare ad elastico con Redding che chiude il gruppo, a un paio di secondi c’è Sykes, che ne ha altrettanti da Eugene Laverty su Bmw che guida il gruppo di metà classifica. Metà giro 6  e va largo Rinaldi che cercava il sorpasso su Davies, ne approfittano le due Yamaha per prendere le posizioni, mentre Rea è sul codone del nostro italiano. Sul rettilineo Gerloff passa Van Der Mark con la moto ufficiale che derapa tanto e Rea si infila su Rinaldi. In due giri l’olandese si riprende la posizione numero due e cerca di raggiungere Davies che ha preso qualche metro di gap; dietro Rea stabile in quarta posizione e Redding che si avvicina sempre di più a Rinaldi; da dietro arriva anche Sykes tra i più veloci in pista.

Giro 10 – metà gara – arrivano a posizioni invariate, ma Redding ha raggiunto Rinaldi che è molto lento. I nostri piloti italiani Federico Caricasulo su Yamaha indipendente 12°, Lorenzo Zanetti su Ducati indipendente 14°. A metà giro Van Der Mark inizia il sorpasso e controsorpasso con Davies, ma l’inglese resta in testa, Gerloff resta attaccato, mentre Rea, Rinaldi e Redding sono staccati a circa +2″. Sul rettilineo infila Rinaldi interno su Rea e si prende la posizione numero 4. Giro 13 tutto invariato con Davies che ha preso +0.7″ su Van Der Mark, mentre i due contendenti non solo girano con lo stesso tempo, ma sono anche affiancati in 5° e 6° posizione, con Sykes che arriva. A tre giri dal termine Davies è da solo al comando e lontano +2″ dietro stabili Van Der Mark e Gerloff, segue da lontano Rinaldi, poi lontanissimo Rea, Redding. Fuma la moto di Rinaldi .. gomma o motore? E’ motore e anche Rea a 300 km/h dice di segnalare il fumo e quindi l’olio. Rea sta fuori dalla traiettoria di Rinaldi per non scivolare. Giro 18 Redding senza gomma è stato raggiunto da Sykes, mentre Rinaldi si ferma a bordo pista, con la Ducati che continua a fumare. Ultimo giro Gerloff ha raggiunto Van Der Mark che è andato largo e sul rettilineo lo passa per la seconda posizione, dietro Sykes passa Redding e guadagna una bella 5° posizione dopo le giornate negative. Ultime curve non frena Gerloff e si infila Van Der Mark, arrivano insieme, ma l’esperienza premia l’olandese ufficiale.

La Gara in 20 giri viene vinta da Chaz Davies su Ducati, al secondo posto il pilota Michael Van Der Mark su Yamaha e al terzo posto Garrett Gerloff su Yamaha indipendente. Jonathan Rea su Kawasaki termina al 4° posto e Scott Redding su Ducati al 6° posto.

1. Chaz Davies  Ducati    34.29.729″
2. Michael Van Der Mark Yamaha  + 2.460”
3. Garrett Gerloff Yamaha ind.  + 2.559”

Il giro veloce è il giro numero 3 di Chaz Davies su Ducati con il tempo di 1.42.646” e una velocità di 162.28 km di media oraria.

 

Gli italiani si piazzano :

12. Federico Caricasulo Yamaha ind.
13. Lorenzo Zanetti Ducati ind.
Out. Samuele Cavalieri Ducati ind.
Out. Michael Ruben Rinaldi Ducati ind.

 

Appuntamento con la Superbike è per il settimo ed ultimo Gran Premio della stagione nel week end del 04 ottobre in Francia Circuito di Magny-Cours.

 

Segui la classifica aggiornata : QUI

Segui il calendario SBK : QUI

 

 

Foto racinglowdown.com

Ileana Valente

fotografo, articolista, seo, copywriter, editor