I DISGUIDI OFFUSCANO LA VITTORIA DI HAMILTON i disguidi offuscano la vittoria di hamilton I DISGUIDI OFFUSCANO LA VITTORIA DI HAMILTON f1 2016 messico dom 42 300x200
I DISGUIDI OFFUSCANO LA VITTORIA DI HAMILTON

I DISGUIDI OFFUSCANO LA VITTORIA DI HAMILTON

I DISGUIDI OFFUSCANO LA VITTORIA DI HAMILTON

I disguidi offuscano la vittoria di Hamilton – 30.10.2016 – Formula 1 Gran Premio de Mexico – Autodromo Hermanos Rodriguez – Inizia il diciannovesimo round della Formula 1, sul Circuito Hermanos Rodriguez, che si trova a Magdalena Mixhuca park nella provincia di Mexico City, in Messico. La pista è lunga 4.304 metri e offre 17 curve, oltre al lungo rettilineo di partenza-arrivo ed è l’unico circuito che si trova a 2.200 mt di altitudine. La gara è asciutta, ci sono 25 gradi in aria e ben 30 sulla pista. In gara 22 piloti di diverse nazionalità.

La Pole Position del sabato viene vinta dal pilota Lewis Hamilton su Mercedes con il tempo di 1:34.999”. Dietro di lui si piazza con Nico Rosberg su Mercedes un ritardo di soli 0.216” e al terzo posto si piazza Daniel Ricciardo su Red Bull con un ritardo di 0.510”. Partiranno dalla 5° e 6° posizione le Ferrari con Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel.

La Gara. Partenza velocissima per Lewis Hamilton con la Mercedes, seguito dal compagno e rivale Nico Rosberg, costretto ad allargarsi dall’arrivo impetuoso della Red Bull guidata da Max Verstappen. I due vengono a contatto e l’incidente è sotto investigazione. Dietro di lui Nico Hulkenberg con la Force India, l’altra Red Bull guidata da Ricciardo e le due Ferrari di Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel. Vettel ha subito un contatto con la Williams guidata da Felipe Massa, che lo sorpassa di cattiveria. C’è subito l’incidente tra Pascal Wehrlein su Marussia e la Sauber di Marcus Ericsson che costringono l’intervento della Safety Car. Ne approfitta Ricciardo per fare il primo cambio gomme, monta le Medie e rientra 16°. Al giro numero 4 la SC rientra ai box e si riparte. Vettel è tallonato da Valtteri Bottas su Williams, ma non riesce il sorpasso da parte del russo. Hamilton è subito in fuga e cerca l’allungo. Giro 7 Ricciardo con gomme nuove cerca il recupero e passa in ordine Gutierrez, Button e Magnussen. Si arriva a posizioni invariate al giro 10 quando Hamilton ha +3” da Rosberg e 8” da Verstappen.

Primo cambio gomme e forse unico visto il buon asfalto, le temperatura e la poca usura degli pneumatici su questo circuito. Giro 13 per primo è il turno di Verstappen che monta le Medie e rientra 9°. Ricciardo riesce a passare anche Alonso e si porta in 9° posizione, intanto con la sosta ai box per Hulkenberg e Massa, le Ferrari hanno via libera e si portano dietro le due Mercedes. Giro 18 cambio gomme per Hamilton che monta le Medie e rientra 4° subito dietro le due Ferrari. Dopo due giri sosta per Rosberg e Raikkonen. Il pilota Mercedes rientra in 3° posizione dietro il compagno di squadra, mentre il ferrarista rientra 6° dietro le due Red Bull. Per ordine di squadra Ricciardo è costretto a lasciare la posizione a Verstappen. L’unico a non fermarsi è Vettel che attende il giro 32 per il cambio gomme, monta le Medie e rientra 6° dietro l’altra Ferrari. Al termine del primo cambio le posizioni provvisorie sono : Hamilton, Rosberg, Vertappen. Ricciardo, Raikkonen e Vettel.

Si arriva a posizioni invariate al giro 46 quando Raikkonen fa una seconda sosta ai box con cambio gomme perché non sentiva il feeling con le medie montate, monta di nuovo le medie e rientra 7° dietro a Hulkenberg che lo precede di 7”. Al giro 49 Verstappen si fa vedere negli specchietti di Rosberg, ma il tentativo di sorpasso del giovane pilota Red Bull lo porta lungo fuori pista e perde 2” dalla Mercedes. Al giro 51 rientra per la seconda sosta anche Ricciardo che monta le Soft e rientra 6° davanti a Raikkonen.

A 10 giri dal termine le Ferrari iniziano un doppio recupero : Raikkonen su Hulkenberg e Vettel su Verstappen, mentre le due Mercedes in testa sono tranquille con in prima posizione Hamilton che ha +8” da Rosberg. A 4 giri dal termine Vettel è sulla Red Bull, ma non riesce il sorpasso che invece riesce a Raikkonen ai danni di Hulkenberg, che va anche in testacoda da solo. Vettel si butta nel sorpasso, ma Verstappen taglia la chicane per non farlo passare e nonostante le comunicazioni della sua squadra dai box, continua la gara non cedendo la posizione. Inizia così un gioco di insulti e cattiverie dei due ai danni dell’altro e della commissione gara che porterà alle penalità finali. Il tentativo di sorpasso danneggia anche Ricciardo, che non riesce a sorpassare Vettel, anzi i due si toccano ed è la Ferrari ad avere la meglio. Entrambi gli episodi saranno sotto investigazione a fine gara. Ultimo giro senza scossoni.

Vince la gara Lewis Hamilton su Mercedes con il tempo di 1.40.31.402”, al secondo posto Nico Rosberg su Mercedes con un ritardo di 8.354” e al terzo posto Max Verstappen su Red Bull con un ritardo di 16.323”. Il giro veloce è il numero 53 di Daniel Ricciardo su Red Bull con il tempo di 1.21.134” e la velocità di 190.972”. Hamilton si porta così a soli 19 punti da Rosberg e con due GP ancora da disputare.

NB : a termine gara, viene penalizzata la manovra di Max Verstappen ai danni di Sebastian Vettel con 5”. Il pilota Red Bull perde il terzo posto in ordine di arrivo. Il lunedì viene riformulata la classifica e vengono attribuiti 10” di penalità anche a Vettel per la manovra ai danni di Daniel Ricciardo. Il podio finale sarà : Hamilton-Rosberg-Ricciardo.

1. Lewis Hamilton  MERCEDES  1:40:31.402″
2. Nico Rosberg  MERCEDES  + 8.354″
3. Daniel Ricciardo  RED BULL  + 20.858″
4. Max Verstappen  RED BULL  + 21.323″
5. Sebastian Vettel  FERRARI  + 27.313″
6. Kimi Räikkönen  FERRARI  + 49.376″
7. Nico Hulkenberg  FORCE INDIA  + 58.891″
8. Valtteri Bottas  WILLIAMS  + 65.612″
9. Felipe Massa  WILLIAMS  + 76.206″
10. Sergio Perez  FORCE INDIA  + 76.798″

Segui la classifica aggiornata su : http://www.sportpervoi.it/f1classifica2016

Il prossimo e penultimo appuntamento con la Formula Uno sarà con il GP del Brasile, sul Circuito di San Paolo, nel week end del 12-13 Novembre 2016.

 

 

 

(Foto automoto.it)

 

Ileana Valente

fotografo, articolista, seo, copywriter, editor